domenica 1 gennaio 2012

... And a happy new year.

Ma rieccomi!
Innanzitutto devo confessare di aver googlato il titolo perché, dopo anni di studio dell’inglese, non ho ancora ben chiaro quando l’articolo indeterminativo vuole la n davanti all’h. Per fortuna il fido motore di ricerca mi ha immediatamente indirizzato verso WordReference, che è uno dei miracoli della nuova era.
Ciò detto, vogliate perdonarmi ma tendo a non emozionarmi eccessivamente in occasione del capodanno. Del resto, lo dice anche Guccini: il mese dei ripensamenti e delle possibilità spalancate davanti a noi come tante porte invitanti (o tunnel tenebrosi, tutto dipende dalla vostra visione della vita) è settembre. Sarà anche per via del cambio di stagione e dello stomaco leggero… Pensate solo ai pranzi/cene delle feste: chi cacchio ha voglia di mettersi a fare progetti sul futuro quando sei così gonfio che ti sembra che non arriverai neppure a domani? Poi è inverno. Quanto durerà anche il migliore dei progetti di fronte alla prospettiva di poltrire sul divano con indosso la coperta con le maniche, must have del Natale 2011? Inoltre, se vogliamo dar retta ai Maya, questi mesi saranno gli ultimi. Vogliamo davvero passarli sforzandoci di essere ordinati, di dedicare più tempo alla famiglia o qualche altra cazzata? Ma no. Godiamoceli. Facciamo quello che ci piace, senza scadere nelle trashate degli allarmisti. Proprio ieri, nelle pause tra le portate del cenone dedicate allo sparlamento e a Taboo (“Di recente ha ucciso molte persone in Giappone”. “Ninja!!!”. Era il terremoto.), Mea si diceva pronta a scommettere che il 20 dicembre un’infinità di persone si produrrà in epiche idiozie, roba che se sopravvivi il giorno dopo non puoi più guardare in faccia nemmeno il tuo cane. Io avrei un paio di idee in merito, ma il rischio di sopravvivere è troppo alto per metterle in pratica. Quindi. Al classico momento dei buoni propositi, io ne ho sfornati due. Molto semplici e soprattutto GODURIOSI.
1.   - Scrivere di più (potrete essere testimoni diretti della sua osservanza)
2.   - Rileggere di meno a favore di libri mai letti. Non vorrei mai trovarmi al 20 dicembre, con la consapevolezza della morte imminente, a rimpiangere di non avere mai letto Oliver Twist.

2 commenti:

  1. Hahaha, sono capitata su questo blog per caso e condivido tutto, cara xD
    Io sono anche una delle fiere posseditrici(??) della coperta con le maniche, LILLA E VIOLA A QUADRUCCI.
    E' un'opera d'arte, la amo tantissimo...

    detto ciò, io come proposito per l'anno nuovo ho quello di perdere qualche chiletto... solite minchiate irraGGGiungiuBBBili perché nonchovoglia.

    Un bacio!
    ps. ti seguo! :3

    RispondiElimina
  2. Anch'io avrei voluto una fantasia simile!!! Invece ho trovato solo un orrendo verde pisello! XD
    Grazie, visito subito il tuo blog anch'io! :)

    RispondiElimina

Dite la vostra che io ho detto la mia.